Allarme Oms: le sigarette elettroniche non fanno bene

Sigaretta elettronica sì, sigaretta elettronica no. Il dubbio che il nuovo prodotto nato con l’obiettivo, almeno dichiarato, di far smettere di fumare i suoi possessori grazie a un concentrato di sostanze non tossiche per l’organismo, possa invece recare danni alla salute umana, sembra essere sempre più fondato.

Gli oltre due milioni di clienti tra quelli che già possiedono e utilizzano la sigaretta elettronica e quelli che sono in odore di acquisto dovranno presto ricredersi sulla potenziale dannosità dell’aspirazione tutta tech.

I piccoli strumenti che permettono di fumare grazie a diverse mini contenitori di concentrazioni di nicotina, ma anche glicerina, aromi e acqua, dopo un periodo di assestamento sul mercato, sono finiti nel centro del mirino dell’Istituto superiore della Sanità, sempre meno propenso a considerarli “innocui” per a salute. Nel resoconto del ministero guidato da Balduzzi si legge infatti che anzichè inibire la voglia di fumare, le sigarette elettroniche produrrebbero a livello scientifico il risultato opposto, vale a dire contribuirebbero a riaccendere o a mantenere viva la voglia di una “bionda”.

A preoccuapre in questo senso è anche la facilità con cui, specie I giovanissimi, possono procurarsi via internet (anche a costo elevato) il prodotto tecnologico. Tutto ciò ha fatto sì che in alcuni paese (Australia, Canada, Norvegia) siano del tutto fuori legge mentre in alcuni stati quali Austria, Belgio, Germania, Portogallo, Svezia sono considerate alla stregua di medicinali (in Francia per esempio sono utilizzate solo a scopo terapeutico).

Come detto, spesso senza le indicazioni obbligatorie di rischi connessi all’uso, le sigarette elettroniche vengono troppo facilmente reperite sul web. Fruitori principali, e quindi anche vittime prime, i giovani under 35.

sigaretta-elettronica

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>